Idamaria Fusco al Polish-Moldovan-Romanian International Scientific Congress 2021

Nei giorni 14 e 15 maggio si svolgerà online il Polish-Moldovan-Romanian International Scientific Congress, dal titolo Education, Politics and Society, organizzato dall’Università Statale di Tiraspol a Chisinau (Repubblica Moldova), in collaborazione con l’Università Pedagogica di Krakow (Polonia) e l’Università di Craiova (Romania).

Nella sua relazione dal titolo Pandemie e governo dell’emergenza tra passato e presente, Idamaria Fusco, ricercatrice dell’Isem, si occupa di governo dell’emergenza nel Mezzogiorno d’Italia in età moderna con uno sguardo rivolto a due epidemie di peste scoppiate nel corso del Seicento. Una malattia, la peste, che, come il Covid-19 oggi, in età moderna era un male poco noto dal punto di vista medico.

L’attuale situazione di emergenza sanitaria provocata dal Covid-19, infatti, ci riporta alla mente le numerosissime pandemie di peste, influenza e di altre terribili malattie infettive che, per secoli, hanno interessato i nostri territori. Oggi siamo spaventati da tali accadimenti. Ma in passato, eventi che oggi consideriamo straordinari, quali una pandemia, erano in realtà “normali” e si ripetevano con una certa frequenza. Ai giorni nostri abbiamo perso la “cultura” delle epidemie, la loro memoria. E questo rende più difficile accettarle e governarle. Ritornare al passato, recuperando la memoria storica e analizzando il modo in cui alcune epidemie sono state fronteggiate, può offrire ancora oggi un utile insegnamento per affrontare il presente in maniera consapevole e con maggiori possibilità di successo. Da ciò l’importanza di dare nuova luce agli studi sulle epidemie in una prospettiva di lunga durata. Anche perché molti strumenti utilizzati in passato per combattere una pandemia, quali isolamento e quarantene, sono validi ancora oggi per epidemie, come il Covid-19, di cui si sa ancora troppo poco dal punto di vista sanitario.

La relazione giunge alla conclusione che, di fronte all’ignoranza dell’eziologia della malattia, furono la conoscenza delle esigenze e della realtà locale, e la delega di poteri ampi a un ministro responsabile del governo a livello provinciale, a fare la principale differenza tra le due epidemie.

Il programma e le modalità per assistere al Congresso saranno pubblicati il giorno 13 sul sito dell’Università di Tiraspol a questo link.