Giulio Vaccaro

Ricercatore

È ricercatore di Filologia della letteratura italiana presso l’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea-CNR (Roma).

Si è laureato presso l’Università La Sapienza di Roma (2003) e ha conseguito il dottorato di ricerca in Letteratura, Storia della lingua e Filologia italiana presso l’Università per stranieri di Siena (2007); nel 2014 e nel 2019 ha conseguito l’Abiltazione Scientfica Nazionale per la seconda fascia per il settore 10/F3 – Linguistica e filologia italiana.
Dal 2004 al 2020 ha lavorato presso l’Opera del Vocabolario Italiano (prima come assegnista di ricerca, poi come ricercatore a tempo determinato, poi come ricercatore a tempo indeterminato).
Dal 2009 al 2016 ha diretto il progetto DiVo – Dizionario dei Volgarizzamenti (di cui ha coordinato l’attività dell’unità della Scuola Normale Superiore di Pisa, all’interno di un progetto FIRB – Futuro in Ricerca 2010); dal 2014 al 2016 ha diretto il progetto bilaterale Manoscritti italiani in Polonia: ricerca, catalogazione, studio / Włoskie rękopisy w Polsce: poszukiwanie, inwentarz i badanie e ha coordinato il Laboratorio Volgarizzamenti: storia, testi, lessico presso il Centro di Elaborazione Informatica di Testi e Immagini nella Tradizione Letteraria della Scuola Normale Superiore. Nel 2018 è stato research fellow presso il Deutsches historisches Institut in Rom. Collabora al GSR-Grammatica Storica del Romanesco, finanziato dal Fondo Nazionale Svizzero.
Si occupa di volgarizzamenti di classici latini e mediolatini negli antichi volgari italiani (Albertano da Brescia, Seneca, Vegezio), di studio materiale dei manoscritti ai fini della storia della tradizione dei testi, di testi genealogici tra Due e Cinquecento, di contatti tra Italia e Spagna nel Medioevo e di autori dialettali romaneschi (Sindici, Tacconi, Zanazzo).

CV completo

CV breve